LA CRESCITA E LO SVILUPPO

Le prime settimane di vita del gattino sono molto importanti per la costruzione degli schemi emotivi e comportamentali che gli serviranno per la vita futura. È importante capire le implicazioni di questo per accertarsi che la vita dei nostri gatti inizi nella maniera migliore, sia fisicamente che psicologicamente. Questo è il motivo per cui non è opportuno togliere il gattino dalla madre e dai fratellini troppo presto e cioè prima delle 12 settimane per motivi inerenti con un corretto sviluppo sia fisico che comportamentale

1. LO SVILUPPO FISICO

0-2 settimane

Le reazioni dei gattini sono molto limitate, praticamente riguardano solo gli stimoli termici, tattili ed olfattivi. Si muovono molto poco, ma possono percorrere dei piccoli tragitti spostandosi sulle zampine con un movimento natatorio. Durante questo periodo e fino alle tre settimane di vita, i gattini dipendono completamente dal latte della madre, la madre si occupa di loro in tutto e per tutto, fornisce loro calore, cibo, igiene e protezione.. Gli occhi si aprono all’incirca fra il secondo e il sedicesimo giorno (di solito fra i sette e i dieci giorni, spesso nelle razze siamese e orientale i piccoli nascono con gli occhietti già aperti), i denti inizieranno a spuntare a circa due settimane di età.

muscolatura
www.flickr.com/photos/mycatranch/3327970935

3-4 settimane

Il senso della vista comincia svolgere un ruolo nel guidare i gattini verso la madre. Essi iniziano a provare a muovere alcuni passi durante la terza settimana, e a quattro settimane dell'età i gattini riescono a spostarsi ad una distanza ragionevole dal nido. La reazione di raddrizzamento è sviluppata completamente entro quattro settimane. La capacità di rigirarsi in aria e cadere sulle quattro zampe comincia comparire durante la quarta settimana e diventa effettiva dall'età di sei settimane.
In natura le madri cominciano portare la preda ancora viva ai loro gattini dalle quattro settimane dopo la nascita in avanti. Quattro settimane è inoltre l'età a cui i gattini cominciano normalmente a mangiare alimenti solidi ed è l'inizio del periodo di svezzamento.

muscolatura

5-6 settimane

dalla quinta settimana in poi i gattini riescono anche a fare delle brevi corsette ed entro le sei settimane hanno cominciato usare tutti i moduli tipici della locomozione dell'adulto. Entro le cinque settimane di età i gattini possono cominciare ad uccidere i topi,.progredisce lo svezzamento e le madri possono tendere a mostrarsi infastidite dall’intraprendenza dei gattini nel richiedere cure materne e possono cercare di sottrarsene. Entro questo periodo i gattini portano a compimento la capacità di gestire l'eliminazione volontaria e non dipendono più dalla stimolazione fatta loro dalla madre.

muscolatura

7-8 settimane

I gattini iniziano a mostrare risposte simili a quelle degli adulti a stimoli minacciosi, sia visivi che olfattivi. Lo svezzamento è in gran parte completato entro le sette settimane. Da qui in avanti la capacità di termoregolazione del gattino è la stessa dell’adulto. Abilità motorie più complesse, come camminare avanti e fare curve strette possono non svilupparsi completamente fino a dieci - undici settimane dopo la nascita. La capacità visiva continua a migliorare fino a dodici - sedici settimane.

muscolatura
www.nfcc.co.uk/litterofkittens.html

Da 3 a 6 mesi

Durante la prima parte dell’infanzia, il gattino impara la sua identità sociale e come alimentarsi. La madre lo svezza portandogli da mangiare prima prede morte e poi vive. Questo serve a introdurre gradualmente il gattino ad ogni singola fase del processo di caccia e uccisione della preda. In ambiente domestico il gattino inoltre si esercita nel comportamento di caccia usando gli oggetti che ha intorno e anche i fratellini. Il che è fonte di divertenti battaglie, inseguimenti e agguati, tutti comportamenti richiesti nelle varie fasi della caccia. Inoltre i micini devono imparare ad arrampicarsi, tenersi in equilibrio e saltare; comportamenti che suscitano spesso la preoccupazione del proprietario del gattino, che li ritiene pericolosi e anche distruttivi.

muscolatura
www.wildpine.net/coondalay/previous_kittens.htm



Anche dopo lo svezzamento, il gattino desideroso delle coccole materne potrà riorientare un certo comportamento maternamente diretto verso di noi. Così i gattini potranno usare le zampe anteriori per “ impastare” su di noi e sbaveranno e faranno le fusa. Questo è ciò che farebbero normalmente al momento del pasto in cui l'impastamento serve per stimolare la madre ad allattarli. Quando i gattini crescono, la madre normalmente incoraggia l'indipendenza ed il valore di questo gesto diminuisce perché i gattini non dipendono più dal suo latte. Tuttavia, noi umani incoraggiamo e ricompensiamo il gesto di impastare, accarezzando e parlando con il gattino. Così, tendiamo a promuovere e a mantenere i comportamenti infantili come questo, e, mentre i gattini crescono li incoraggiamo ad avere un rapporto doppio con noi , sia come compagni di gioco che come madri sostitutive.

Quindi, quando i gattini diventano adulti sviluppano un set di caratteristiche di personalità che sono determinate in parte dalla loro eredità genetica, in parte dalle loro esperienze iniziali e in parte dall'ambiente e dal modo in cui li trattiamo.

Da 6 a 12 mesi

La maturità sessuale si può avere in qualunque momento da sei mesi dell'età (anche prima ad esempio in razze precoci come la siamese orientale o in gatti liberi e di colonia, anche a 5-6 mesi di età) e della maturità sociale (età adulta) fra diciotto mesi e quattro anni.

In media, la pubertà in gatti comincia a circa nove mesi, ma può avvenire più in anticipo o più tardi, secondo il periodo dell'anno in cui il gattino nasce. Questo avviene perché il ciclo riproduttivo del gatto è controllato dall'aumento della lunghezza delle giornate durante la primavera e l'estate. A partire da questo tempo fino alla maturità sociale completa, che ha luogo a circa due - quattro anni, avvengono dei cambiamenti graduali nella personalità felina. Il gatto inizia a prendere possesso del proprio territorio e può mostrare cambiamenti nella personalità. I gattini cambiano in alcuni casi da socievoli e fiduciosi, diventano più solitari, indipendenti e prudenti. Il livello generale di socievolezza del gatto è molto correlato alla socievolezza dei genitori perché questa caratteristica è fortemente ereditaria. Questo periodo nella vita del gatto è il tempo in cui si ha la scoperta del valore del territorio come risorsa e la sua capacità di vivere come individuo. In gatti selvaggi o selvatici questo inoltre sarebbe il periodo in cui i gatti maschi si allontano gradualmente dal gruppo della famiglia allargata in cui sono stati cresciuti.

muscolatura
Chicago's Al Capone a 8 mesi da www.chicagoragdolls.com



I cambiamenti che avvengono in questo periodo possono essere fonte di preoccupazione e di sconcerto per i proprietari del gatto perché il giovane gatto comincia ad allontanarsi dalla casa e ad entrare in conflitto con altri gatti. Questo è il momento in cui è importante la sterilizzazione, perché i gatti maschi interi vagheranno e diventeranno solitari. I maschi castrati invece saranno molto soddisfatti di vivere all'interno di un territorio molto più limitato e non dovranno andare in giro a cercare femmine per accoppiarsi.



2. LO SVILUPPO COMPORTAMENTALE

Mentre avvengono tutti questi cambiamenti fisici, il gattino, stando insieme alla madre e ai fratellini, impara anche lezioni di comportamento e di gestione delle emozioni. Lo sviluppo del comportamento dipende sia dalle influenze genetiche che da quelle ambientali. È impossibile separare le une dalle altre, poiché tutti i modelli di comportamento per svilupparsi le richiedono entrambe. I geni "programmano" un individuo con il potenziale per reagire in un determinato senso in determinate circostanze. Le esperienze di vita dell'individuo invece influenzano il fatto che quel comportamento venga o no realmente espresso ed a che livello. C’è spesso una differenza enorme nelle risposte generali fra i gattini di una stessa cucciolata che possono essere spiegati soltanto tramite una differenza nella programmazione genetica, poiché le influenze ambientali sono relativamente costanti per tutti i gattini.

Il periodo sensibile

Il periodo sensibile è un range di tempo durante il quale particolari eventi hanno la maggior probabilità di avere effetti di lunga durata sullo sviluppo comportamentale del gattino.

Nei gatti questo periodo è tra le due e le sette settimane di età. I rapporti sociali che dipendono dalla familiarità si formano durante questo periodo.

muscolatura
Immagine da www.breeding-cats.com



Gli esseri umani e altre specie possono essere compresi in questo gruppo sociale ed essere oggetto di legami affettivi. Molte ricerche sono state condotte su questo periodo e sulla quantità ed il tipo di manipolazioni richieste per dare ai gattini l'inizio migliore alla vita sociale. La conclusione della maggior parte se non di tutti gli studi è che essere maneggiati da un certo numero di persone differenti durante questo periodo determina un aumento de grado di socievolezza dei gattini verso gli esseri umani. L'esposizione positiva alle sfide ambientali quali rumore, i bambini, i cani, persino i viaggi in automobile e la possibilità di esplorare varie e differenti zone del loro ambiente migliorerà le dotazioni interiori che permetteranno al singolo individuo di fare fronte alla vita futura. Ciò non significa,tuttavia, che i gattini che non sono sottoposti a questi stimoli di socializzazione non saranno mai amichevoli o non si adegueranno di buon grado alla vita domestica.

Con il modello genetico adatto, i modelli comportamentali non imparati possono essere modificati da altre esperienze più avanti nello sviluppo.



Fattori che influenzano lo sviluppo comportamentale

Alimentazione

I gattini figli di madri sottonutrite possono presentare una maggiore incidenza di anomalie del comportamento e ritardi nello sviluppo, come scarse capacità di apprendimento, comportamento antisociale verso altri gatti e reazioni anomale di paura o di aggressività.

Sterilizzazione

La sterilizzazione sia del maschio che della femmina intorno alla pubertà ha un effetto profondo su quelli che saranno i loro comportamenti futuri. La castrazione del maschio ad esempio, aumenterà grandemente la possibilità di avere un gatto che anteporrà le comodità della vita casalinga alla territorialità aggressiva di un maschio adulto intero

Allattamento artificiale

L’allattamento artificiale è spesso una faccenda complicata e spesso ci si occupa di più dei bisogni fisici e nutrizionali dei gattini piuttosto che del loro sviluppo emotivo e comportamentale. Sembra che ci sia un'incidenza significativa di comportamenti aggressivi in gatti adulti che sono stati allevati a mano e questo sembra derivare dallo svezzamento inadeguato che non riesce ad imitare la capacità della madre di insegnare alla prole a gestire la frustrazione con segnali di non-ricompensa per un comportamento precedentemente ricompensato quale avvicinarsi per ricevere cibo. La necessità di affrontare le avversità ed il concetto che la vita può frustrare sono essenziali per la sopravvivenza dei gattini.

Personalità individuale

I gattini mostrano considerevoli variazioni individuali nella loro socievolezza verso gli esseri umani, e perfino gattini della stessa nidiata possono differire considerevolmente nella loro socievolezza. Uno sarà timido, uno sarà sicuro ed esplorativo , un altro cercherà principalmente la compagnia degli esseri umani. Le differenze nella risposta ai vari stimoli sociali ed ambientali conferisce ad ogni gatto la sua particolare personalità. Ci sono numerosi sistemi per categorizzare il carattere e la personalità, ma ci sono due modelli di base, eccitabile/reattivo e tranquillo/quieto. Si pensa che le variazioni nell'eccitabilità e nella timidezza siano causate da differenze ereditarie, quale la quantità di adrenalina rilasciata quando viene affrontato un evento. Ad esempio i siamesi sono considerati come socievoli, affezionati, sensibili e vocali, il birmano assertivo ed estroverso ed il persiano placido e riflessivo. Tutte queste descrizioni fanno pensare che ci siano caratteristiche ereditarie.