Il Gatto - Cos'è un gatto 
1. Il gatto
2. Fisiologia - Scheletro
3. Fisiologia - Muscolatura
4. I Sensi
5. Le armi del predatore
6. Metabolismo

gatto IL GATTO

Il gatto (Felis catus), conosciuto anche come gatto domestico o gatto di casa per distinguerlo da altri felini e felidi, è una piccola specie di mammifero crepuscolare carnivoro predatore che è assai apprezzato dagli esseri umani per la sua compagnia e per la sua capacità di cacciare nocivi come i serpenti, gli scorpioni ed altri parassiti indesiderabili per l’uomo. È stato associato con gli esseri umani per almeno 9.500 anni. Predatore esperto, il gatto è conosciuto per cacciare oltre 1.000 specie per alimentarsene. Usa varie vocalizzazioni e tipi di linguaggio del corpo per la comunicazione, compreso miagolare (meowing), fare le fusa (purring), il sibilo (hissing), il ringhio (growling), lo squittio (squeaking), il cinguettio (chirping,), gli schiocchi (clicking) e il brontolio (grunting). I gatti sono l'animale domestico più popolare nel mondo, con oltre 600 milioni nelle case di tutti I paesi. Inoltre sono allevati e partecipano ad esposizioni e mostre a cura di associazioni felino tecniche di tutto il mondo.

Fino a poco tempo fa si pensava che fa il gatto fosse stato addomesticato nell' antico Egitto, in cui era un animale oggetto di culto. Tuttavia uno studio del 2007 ha trovato che le linee di discendenza di tutti i gatti di casa probabilmente risalgono a non più di cinque gatti selvatici africani che si ritiene soggetti di un processo di Self-domestication (Auto - addomesticazione) – termine questo che si riferisce al processo di adattamento degli animali selvatici agli esseri umani, senza un allevamento selettivo umano diretto. Descritto da Richard Wrangham, professore di antropologia biologica all'Università di Harvard, è il fenomeno che si ha quando ci si trova in un ambiente in cui la diminuzione dell’aggressività è stata favorevole per la sopravvivenza, così dunque 9.000 anni fa nella mezzaluna fertile i gatti selvaggi ( Felis silvestris lybica) si sono adattati a vivere con gli esseri umani, cacciando i roditori nei depositi di grano e abbandonando il loro ancestrale pattern comportamentale di aggressività , e conducendoci nel tempo fino ai gatti di casa di oggi.

Il gatto domestico ed il suo antenato selvaggio più vicino sono entrambi organismi diploidi che possiedono 38 cromosomi, in cui sono stati identificati oltre 200 difetti genetici ereditabili, molti omologhi a quelli umani. Sono stati anche identificati alcuni difetti metabolici specifici alla base di molte di queste malattie feline. Sono noti parecchi geni responsabili del colore del pelo, le cui combinazioni producono fenotipi differenti.
Caratteri come la lunghezza del pelo, la mancanza di coda, o la presenza di coda molto breve (gatto bobtail) sono determinati dai singoli alleli ed è modificata dai poligeni.